Uomini e Palme

Palmiria

Palmiria: Gruppo Italiano Palme.

NEWSLETTER - MEMORANDUM
di Dies Palmarum

Inserisci la tua email :

Video e Photogallery

IV° Biennale Europea delle Palme

 PALME DEL GENERE PHOENIX
Giornate di studio sugli aspetti botanici, colturali, fitopatologici e sugli usi legati alle Civiltà e Religioni del Mediterraneo 

Sanremo 24, 25 e 26 novembre 2005

La IV Biennale delle Palme Dies Palmarum, nel suo tradizionale appuntamento a Sanremo, dal 24 al 26 novembre 2005 ha acceso i riflettori sulle palme del genere Phoenix, considerate nei loro aspetti botanici, colturali, fitopatologici, ma anche nei loro usi legati alle civiltà e religioni del Mediterraneo.

L’evento è stato una nuova e imperdibile occasione per tutti gli appassionati, che fa di Sanremo, per alcuni giorni, l’indiscussa capitale europea delle palme.

L’organizzazione dei Dies Palmarum è stata curata dal Comune di Sanremo e dal Centro Studi e Ricerche per le Palme con la collaborazione dell’Amministrazione Provinciale di Imperia, i Fous de Palmiers, Kew Garden, SIA Italia e l’Associazione Direttori e Tecnici Pubblici Giardini.

La manifestazione, che ha confermato il suo carattere fortemente internazionale, si è svolta nella fase inaugurale a Villa Nobel, alla presenza delle autorità, ed è proseguita a Villa Ormond, immersa nel suo storico palmeto.

Le tre giornate di studi sono state caratterizzate da un intenso susseguirsi di relazioni scientifiche e presentazioni di studi botanici ed ecologici, ma hanno favorito anche un importante momento di riflessione culturale. Le palme, infatti, da sempre hanno avuto un ruolo importante nella vita dei popoli del Mediterraneo. Considerata “albero della vita” da tutte le antiche civiltà, la palma da millenni offre ombra e cibo alle genti di ogni razza e religione. Per questo può essere considerata un autentico simbolo di pace per le popolazioni che si affacciano sul mare nostrum.

Oggi più che mai c’è bisogno di riscoprire gli elementi d’unione tra i popoli e trovare forti argomenti di dialogo. Per questo un’intera giornata dei Dies Palmarum è stat dedicata al dibattito tra rappresentanti del modo culturale religioso di diversi Paesi e fedi, che hanno approfondito il legame storico, culturale e religioso di queste piante con le antiche civiltà e le tre religioni monoteiste del Mediterraneo. Hanno partecipato in rappresentanza del mondo cattolico Mons. Vittorio Lupi, Vicario Generale della Diocesi di Ventimiglia- Sanremo; di quello ebraico Rav Giuseppe Momigliano - Rabbino Capo di Genova, e della comunità islamica Abu Bakr Moretta, Responsabile CO.RE.IS. Italiana - Regione Liguria.

Come è consuetudine della manifestazione, la Biennale Europea a visto da una serie di eventi collaterali: una scenografica esposizione di parmureli e altre palme intrecciate secondo la tradizione religiosa cristiana realizzate da artigiani sanremaschi, bordigotti, sardi e spagnoli, grazie alla collaborazione delle città di Oristano, Elche, Sanremo e Bordighera. Nelle sale di Villa Ormond è stata inoltre allestita un’originale mostra dedicata alle palme nei vari aspetti della vita dell’uomo: Le palme e la Bibbia, Le palme e il Corano, Le palme e l’arte, ecc. Si tratta di un’ originale galleria di simboli e opere d’arte frutto del lavoro di Francesco De Santis.

Hanno partecipato a questa edizione di Dies Palmarum personalità del mondo scientifico di Italia, Francia, Gran Bretagna, Spagna, Marocco e Stati Uniti. Tra gli altri, John Dransfield del Royal Botanic Garden di Kew (Regno Unito), l’illustre botanico Sandro Pignatti, Ordinario di Ecologia Vegetale al Dipartimento di Biologia Vegetale dell’Università La Sapienza di Roma, Alain Hervé, presidente e fondatore dell’associazione francese Fous de Palmiers, Jean-Christophe Pintaud (Ricercatore all'Institut de Recherche pour le Développement (IRD), Quito, Equador) e Marie-Charlotte Anstett (Centre National de la Recherche Scientifique de Montpellier).

Sono stati illustrati risultati di lavori di ricerca condotti da Università e Centri di Ricerca, con l’intento di aggiornare le attuali conoscenze nel settore delle palme, alla luce delle più recenti conoscenze.

Tra gli argomenti discussi, significativa rilevanza ha avuto l’aggiornamento scientifico sulla ricerca della lotta al Fusarium oxysporum (Bahiud) la temibile “peste delle palme”, che rappresenta ormai un’emergenza grave, e si è discusso ancora della Paysandisia archon, il vorace lepidottero giunto dall’Argentina, che si è diffuso nelle aree più calde delle coste settentrionali del Mediterraneo. Un posto di rilievo hanno avuto gli argomenti legati alla gestione delle palme, non ultimo quello della valutazione di stabilità.

Il Centro studi e Ricerche per le palme ha presentato, a seguito di un’attività di ricerca che si protrae da diversi anni a Sanremo, un primo contributo alla individuazione ed analisi dei fattori di rischio nella biodimanica delle palme (VPA).

Sono stati affrontati anche aspetti ecologico-colturali con dimostrazioni di potatura “dal vivo” nel parco di Villa Ormond con l’impiego della bicicletta come strumento di risalita sulle palme.

Venerdì 25 novembre è stato anche il giorno dedicato alla presentazione dell’opera letteraria di Erika Wikus “Nel deserto australiano - Diario di una naturalista”, testimonianza di una meravigliosa avventura negli sterminati deserti dell’Australia.

E’ stato anche il giorno più solenne dei Dies Palmarum con la consegna delle onorificenze di Cavaliere delle palme ad alcuni tra i personaggi che in questi anni si sono maggiormente distinti per il loro contributo portato al mondo scientifico o culturale delle palme. La scorsa edizione hanno ricevuto il prestigioso riconoscimento Gerard Dorin, (presidente dei Fous de Palmiers – France ), M. Baaziz (Laboratoire de Biochimie et Amélioration des Plantes (BAP),Université Cadi Ayyad, Faculté des Sciences-Semlalia – Marrakech – Marocco) e José Antonio Del Canizo Perate (Director-gerente Jardín Botánico-histórico La Concepcíon) Malaga – España.

La IV Biennale Europea delle palme ha concluso i lavori sabato alle ore 13,00.

L’immagine simbolo del convegno, realizzata dalla pittrice Tiziana Di Cicco, rappresenta l'incontro fra le tre religioni monoteiste. L'artista ha voluto rappresentare una sorta di Paradiso terrestre dove la presenza di una palma simboleggia al tempo stesso la gloria, il martirio, le radici delle tradizioni, il cibo per il corpo e per l'anima con i suoi datteri, e un rifugio sicuro sotto le sue fronde. Il paesaggio raffigura uno scorcio di Gerusalemme, punto d'incontro delle tre religioni monoteiste del Mediterraneo.

ALLEGATI :

programma.pdf
Accati_Dies Palmarum.pdf
Adrian van Rensen.pdf
Campodonico.pdf
Chapin.pdf
Don Ignazio.pdf
Erika Wikus.pdf
Fauchier.pdf
Ferrini.pdf
Haddouch.pdf
J.C. Pintaud.pdf
Jack Fisher.pdf
Maria-Charlotte Anstett.pdf
Morici.pdf
Nevina Dore.pdf
Pignatti.pdf
Susi Gomez.pdf

Articoli In Evidenza

Editoriali
Gli Editoriali della nostra nuova Newsletter, seguili tutti in questa sezione

leggi tutto

DIES PALMARUM: DA SANREMO A VALENCIA UNA DICHIARAZIONE PER LA SALVAGUARDIA DELLE PALME - A declaration for the protection of palms comes from SANREMO
In occasione di EUNOPS 2014, nel corso dell'Assemblea del 11 Maggio presso il Giardino Botanico di Valencia, è stata letta ed aggiornata la Dichiarazione per la Salvaguardia delle Palme. Una riflessione etica sulle palme come esseri viventi.

leggi tutto

Palmiria su Emirates Journal of Food and Agriculture
The "Emirates Journal of Food and Agriculture [EJFA]" is a unique, peer-reviewed Journal of Food and Agriculture publishing basic and applied research articles in the field of agricultural sciences by the College of Food and Agriculture, United Arab Emirates University, United Arab Emirates.

leggi tutto

I novantacinque gusti dei datteri libici - I tesori di Al Jufrah
In Libia si produco alcuni tra i migliori datteri del mondo. Nell'oasi di Jufrah sono coltivate decine di varietà diverse: un patrimonio della biodiversità che deriva da una storia secolare di fenicicoltura. Un tesoro che deve essere preservato con cura per dare una speranza al deserto di domani.

leggi tutto

Ultime novità sul punteruolo rosso
Ultime novità sul punteruolo rosso

leggi tutto

Addio Jean-Christophe

leggi tutto

Fenicicoltura mediterranea

Fenicicoltura mediterranea

Etnobotanica

Ricerche di etnobotanica nel mediterraneo

Meteo a Sanremo

Stazione metereologica di Villa Ormond a Sanremo - A cura di Dropedia.it